I lanci per la partenza della seconda parte di stagione

05 Settembre 2017

E' ripartita la stagione, con il via della seconda parte delle gare su pista. 

di Valle D Aosta


 

Domenica 3 settembre, al campo Tesolin di Aosta, l'Atletica Sandro Calvesi ha ospitato la lunga riunione del pentathlon lanci per la categoria Master +35, appuntamento a cui è stata aggiunta la prova valevole per i campionati valdostani Junior (18-19 anni) delle specialità di disco, peso e lancio del martello, quest'ultima valevole anche per la conquista della maglia di campione regionale per la categoria Cadetti (14-15 anni). Stante l'ampio programma di prove la riunione è stata spalmata sull'intera giornata dal mattino, al pomeriggio.

Nella categoria Cadette, in campo femminile, nella specialità del lancio del martello (3 kg) vittoria per Giulia Aresca (Cogne) che ha salito il gradino più alto del podio valdostano grazie alla misura di 29m21. Alle sue spalle si sono piazzate il terzetto Calvesi con Sofia Mancini, seconda con 23m48, Denise Sorbara, terza con 22m65 e Martina Gorraz, quarta con 17m95. In campo maschile, sempre nel lancio del martello, nella fascia 14-15 anni, la vittoria è andata, con l'attrezzo da 4kg, a Lorenzo Moniotto (Calvesi) con 36m18, davanti ad Alessandro Casadei (Cogne) 29m70 mentre completa il podio Mathieu Linty (Cogne) con 22m97; seguono Gabriele Adorni (Calvesi) 21m72 e Nikolaij Tamborin (Calvesi) 19m41.

Tre gli iscritti nella categoria Juniores (18-19 anni), che si sono misurati sulle specialità del lancio del disco (kg 1,75) e getto del peso (kg 6). Nel disco il titolo valdostano è andato a Matteo Yon (Pont Donnas) con 30m97, nuovo personale, davanti a Rudy Chapellu (Calvesi) 28m47 e Jean-Marie Robbin (Calvesi) 22m01. Nel peso classifica invertita con Jean-Marie Robbin (Calvesi) autore della miglior prestazione e della maglia di campione regionale con 12m45, davanti al compagno Rudy Chapellu (Calvesi) 11m09 e Matteo Yon (Pont Donnas) 8m90

 

Nella categoria Master femminile dodici le partecipanti che hanno concluso il pokerissimo di cinque prove, peso, disco giavellotto, martello e martellone, di cui quattro tesserate per il club organizzatore. Secondo posto assoluto e titolo valdostano Master SF 65 per Rossella Bardi della Calvesi con 2696 punti totale maturato grazie alle singole prestazioni (peso 6m23, disco 20m26, giavellotto 8m59, martello 24m70, martellone 8m81). Sesta posizione assoluta e titolo rossonero Master SF80 per Maria Luigia Belletti (Calvesi) con 2246 punti (peso 5m58, disco 12m43, giavellotto 9m26, martello 10m58, martellone 5m49. Maglia di campione regionale anche per il presidente del club organizzatore, Liana Calvesi che si è piazzata in 11esima posizione, prima valdostana tra le Master SF70 con 1839 punti (peso 4m88, disco 12m76, giavellotto 6m08, martello 8m73, martellone 4m63); in seconda posizione Marijke Doornheim che di punti ne ha collezionati 1416 (peso 4m64, disco 10m62, giavellotto 6m08, martello 8m73, martellone 4m63).

 

In campo maschile, sempre tra i master, ben 28 sono stati i protagonisti con quattro atleti in maglia rosso Calvesi. Anche in questa raggruppamento, secondo posto assoluto per il migliore degli atleti in casacca valdostana, Emanuele Tortorici (Calvesi) Master SM50 che ha concluso le cinque prove con 3209 punti (peso 11m64, disco 36m58, giavellotto 33m00, martello 43m86, martellone 14m25). Quinto nella classifica generale Alvaro Miorelli (Calvesi) che si è aggiudicato la maglia di campione regionale 2017 per Master SM65 con 2905 punti (peso 9m64, disco 32m85, giavellotto 30m76, martello 25m11, martellone 11m06). Sesto assoluto ma secondo tra i valdostani Master 50, Antonino Lo Nano (Calvesi) che ha collezionato 2811 punti (peso 10m39, disco 34m51, giavellotto 29m43, martello 39m02, martellone 12m45). 27esimo, ma sul gradino più alto del podio tra i Master valdostani SM80 Renzo Merlo (Calvesi) che di punti ne ha conquistati 1321 (peso 6m01, disco 8m08, giavellotto 11m77, martello 12m51, martellone 5m20)


Il podio Cadetti maschile del concorso del Martello con Lorenzo Moniotto sul gradino più alto


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate