Il Meglio dei Lanci al Todaro

09 Agosto 2020

Saccomano finalmente record

 
(In Copertina Enrico Sacomano, Leonardo Fabbri e Sara Fantini)

Di Franco De Mori

Ancora non si è spento l’eco dello straordinario Meeting di Trieste ed ecco irrompere sulla scena un altro grande spettacolo di Atletica a soli 80 km. di distanza, a Udine, ed una sola settimana dopo. L’ Atletica Malignani Libertas Udine non poteva lontanamente prevedere che la 37^ edizione del Memorial Todaro assumesse tali proporzioni quantitative e qualitative. “Devi dirlo che ci siamo trovati benissimo, che abbiamo gareggiato in condizioni ideali e che siamo sempre disponibili a tornare. Grazie, grazie ancora” Queste le parole che Chiara Rosa e  Leonardo Fabbri mi hanno rivolto al momento della premiazione e che rendono appieno lo spirito che aleggiava sul “Dal Dan” di Udine.

Ma andiamo con ordine in quanto i risultati importanti sono stati tali e tanti da richiedere un analisi approfondita. Intanto i numeri : 393 concorrenti, 209 Uomini e 184 Donne, appartenenti a tutte le categorie federali da Cadetti in su. 12 ore ininterrotte di gare dalle 10 del mattino alle 10 di sera: scusate se è poco!

I 100 maschili si sono disputati per la prima volta sul rettilineo opposto per ovviare agli inconvenienti del vento perennemente contrario e delle cattive condizioni della pista. Troppa grazia! Nella serie migliore Eolo ha voluto farci il dispetto di un + 2.6 che invalida il 10”83 di Federico Rossi ed il 10”87 del neo ingegnere Alessandro Iurig. In un'altra serie è regolare l’ 11”09 dello junior Neil  Antonel. Nei 400 Cristiano Giovanatto non spinge al massimo ma realizza comunque un bel 48”54 davanti allo stesso Antonel, che sfoggia una chioma biondo platino e scende ad un promettente 48”97.

Nel settore mezzofondo lo junior Cristian Starec fa suoi gli 800 in 1’59”88 mentre nei 1500 un pimpante Masresha Costa, anche lui diciottenne come Starec, scende a 3’55”63 davanti ad un terzetto della Trieste Atletica (Torrico 3’59”22, Canetti 3’59”94 e Deponte 4’00”91). Il Cadetto Riccardo Zanon sui 1000 batte in 2’50”86 Simone Martina (2”’55”03).

Sui 110 Hs vittoria normale di Gabriele Crnigoj in 14”58 e di Michele Brunetti negli Junior in 14”61 ma sono gli Allievi a darci delle soddisfazioni: Mattia Clemente della Gemonatletica con 14”39 e Simone Coren del Malignani con 14”52 entrano nella Top Ten Regionale All Time. Alle loro spalle il decatleta Alberto Nonino esordisce sulla distanza con 14”62 dopo l’1,94 di Alto della scorsa settimana a Gemona.

L’Alto va a Francesco Ruzza, di Caorle ma trapiantato a Trieste per motivi di studio, con 2,05 davanti a Simone Dal Zilio con 2,00 ed il Triplo al fratello maggiore di Simone Biasutti, Samuele, con 13,51 purtroppo con + 2.3 di vento, ma c’è anche un 13,47 regolare.

E siamo ai Lanci, tradizionale punto di forza dei Meeting di Udine, ma mai sinora ai livelli eccelsi di questa edizione. Leonardo Fabbri, toscano di Bagni a Ripoli tesserato per l’Aeronautica Militare, ha voluto gareggiare ancora una volta in Friuli Venezia Giulia prima di partire per la Svezia ed ha fatto bene visto lo straordinario 21,26 di Peso. Solo Alessandro Andrei, toscano come lui, ha fatto di meglio con il Record Italiano di 22,91 risalente al 1987. Fabbri vanta 21,59 indoor e 21,32 all’aperto. Dietro di lui Zane Weir, ancora sudafricano ma in procinto di ottenere il passaporto italiano in virtù del nonno che guarda caso era triestino: 19,93 per lui ormai prossimo ai fatidici 20 metri. Il Disco Assoluto va al gemonese dell’Assindustria Padova Valerio Forgiarini con 51,14 ma nella gara riservata agli junior con l’attrezzo da 1,75 il lestizzese Enrico Saccomano riesce finalmente a strappare a Stefano Petrei il Record Regionale (58,93 a Gorizia il 25.4.2012) con 59,58. Il pupillo di Adriano Coos si inserisce al 6° posto italiano di sempre. Alle sue spalle si migliora anche Dario Fina con 43,23.

Nel Martello Allievi Davide Vattolo approfitta dell’assenza di  Feruglio per vincere con 62,62. Altra gara dai grandi contenuti tecnici il Giavellotto dove, alla presenza del Primatista Italiano Carlo Sonego, si impone il milanese delle Fiamme Oro Roberto Bertolini con 75,01 davanti alla nostra vecchia conoscenza lo sloveno di Lubiana Matija Kranjc (73,92) e lo junior Michele Fina (62,80). Il giavellotto Allievi va a Claudio Pugnetti con 51,04 e quello Cadetti a Massimiliano Baron con 44,51.

Passando al Settore Femminile registriamo un buon 12”25 (+0.4) di Aurora Zanchetta sui 100, la vittoria della Slovena Vladyslava Tukhay sui 400 con 57”88 ed un bel 800 vinto da Irene Vian (Riviera del Brenta) in 2’06”95 su Giada Stanissa (2’10”22) e Beatrice Dijust (2’10”42). Sempre in tema di mezzofondo i 1000 Cadette vedono imporsi la simpatica vicentina Elisa Clemente con 3’01”91 su Martina Mcdowell (3’04”94). Si conferma sui 100 Hs Giulia Fanzella che giunge seconda alle spalle della Bellunese Elena Nessenzia con il crono di 14”89 (+ 0.5).

L’Alto è di Rebecca Pavan dell’Assindustria Padova con 1,76 e si difende bene la cussina Celine Smrekar con 1,69. Tre nulli per Giulia Cargnelli nell’Asta con vittoria di Maristella Grosselle (Riviera del Brenta) e doppietta della Biotekna Marcon nel Lungo con Sofia Borello e Margherita Rizzi accreditate rispettivamente di 5,56 e 5,40.

Nel Peso scende in pedana un'altra delle grandi della Manifestazione Chiara Rosa e non delude con 17,06 anche se con 19,15 detiene ancora il Record Italiano. Buon 13,00 nel Peso Allieve di Alice Moret dell’Atletica Ponzano e 11,20 della Cadetta Giada Cabai. Nel Disco vittorie di Gloria Ava con 42,55 nelle assolute, di Emily Conte (Riviera del Brenta) con 41,36 nelle Junior, di Tarè Miriam Bergamo (Assindustria Padova) con 38,30 nelle Allieve e di Annalisa Micco con 35,15 nelle Cadette.

Ma la gara clou dei lanci femminili era il Martello per la presenza dell’astro nascente Sara Fantini, emiliana 24enne di Fidenza (Parma) in forza ai Carabinieri. Il suo 70,73 è il terzo PB consecutivo con cui rafforza la sua quarta posizione all time dopo la Balassini, la Claretti e la Salis. In questa occasione ha preceduto Emily Conte (53,19) e la nostra Isabella Martinis (52,95). Sempre benissino l’Allieva Laura Lazzarato (59,44) davanti alla compagna di squadra del Malignani Angie Tavano (45,06). Ed infine il giavellotto con la star Carolina Visca, Promessa delle Fiamme Gialle,  Campionessa Europea Junior di Boras (Finlandia) 2019, Vincitrice degli EYOF 2015 di Tbilisi e Campionessa Italiana Assoluta 2019. Si è imposta con 55,27 alla “mitica” Zahra Bani” 41enne delle Fiamme Azzurre (51,50) ed al carabiniere Paola Padovan (51,10). Era annunciata anche Federica Botter ma non si è vista. La Rattighieri ha vinto con 34,75 nelle junior, la vicentina Panzarin con 43,80 nelle Allieve e la veneziana Raimondi con un notevole 51,07 nelle Cadette.

Ma i grandi Meeting in Friuli Venezia Giulia non finiscono qui. Subito dopo Ferragosto ci ritroviamo a Lignano e sarà ancora grande Atletica.

Guarda Tutti i Risultati da Udine: 37°Memorial Todaro


Masresha Costa, Simone Coren, Mattia Clemente, Alberto Nonino e Carolina Visca(foto fvg/fidal)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate