Iapichino decolla: 6,57 a Vittorio Veneto

04 Luglio 2020

La campionessa europea under 20 del lungo subito vicina al personale, nell’esordio outdoor con la nuova tecnica di salto: “Sensazioni ottime”. Desalu 10.37 sui 100 metri, il giavellotto di Bertolini a 79,41

 

Bel debutto stagionale di Larissa Iapichino nel lungo al meeting di Vittorio Veneto (Treviso). La campionessa europea under 20 salta 6,57 (-0.2) al secondo tentativo e arriva a soli sette centimetri dal record personale di 6,64. È la terza misura nella giovanissima carriera della doppia figlia d’arte di Fiona May (due ori mondiali e due argenti olimpici in bacheca) e dell’ex primatista italiano dell’asta Gianni Iapichino. Parte bene quindi il 2020 all’aperto per la non ancora 18enne dell’Atletica Firenze Marathon, allenata da Gianni Cecconi, che durante l’inverno con 6,40 era riuscita a cogliere il record italiano juniores indoor. Poi oggi cerca fino all’ultimo di crescere ancora e nel sesto e conclusivo turno atterra a 6,54 (-0.1) avvicinando il suo miglior risultato di una giornata iniziata con un nullo, poi una “X” anche al terzo salto proseguendo con 6,37 (0.0) e 6,40 (-0.9). Era la prima gara in cui provava la nuova tecnica, con 17 passi anziché 16 di rincorsa e in volo due passi e mezzo al posto del “veleggiato”. Un’altra toscana, la 21enne Elisa Naldi (Atl. Virtus Cr Lucca), si piazza al secondo posto con 6,19 (-0.1) all’ultima prova e 12 centimetri aggiunti al suo primato superando Eleonora Filippetto (Team Treviso) balzata al PB di 6,12 (+1.2).

IAPICHINO: “UN RISULTATO CHE CONTA” - “Sono felicissima di questo esordio - le parole di Larissa Iapichino - perché un risultato del genere per me conta molto, dopo un periodo di stop e di stravolgimento della tecnica. Non mi aspettavo di atterrare così lontano e non solo una volta. Infatti sono andata sopra la media della stagione indoor, mentre al primo e al terzo ho fatto nullo di poco, ma erano bei salti e questo dà molta fiducia a me e al mio allenatore. Significa che stiamo andando nella direzione giusta con questo nuovo approccio al salto. Nella rincorsa mi sono sentita veloce e sciolta, più di prima. Ho dovuto gestire un po’ il vento che cambiava, ma chiudo questa gara con sensazioni ottime e il 16 luglio a Savona tornerò in pedana. Spero vivamente che questo sia un punto di partenza a cui aggiungere qualche centimetro e volare un po’ più in là”.

DESALU 10.37 - Sui 100 metri Fausto Desalu (Fiamme Gialle) con 10.37 (+0.7) avvicina il personale, a soli quattro centesimi dal 10.33 di due anni fa. Lo sprinter azzurro, secondo italiano di sempre nei 200 con 20.13, si aggiudica nettamente il successo lasciando una buona impressione soprattutto nella fase lanciata. Nel 1° Meeting Nazionale ATL-Etica - Memorial Prof. Ivo Merlo, sui 100 al femminile Aurora Berton (Libertas Friul Palmanova), classe 2000, scende a 11.86 (+0.1) per confermare i progressi mostrati nelle gare indoor davanti alla coetanea Giorgia Bellinazzi (Atl. Brugnera Friulintagli, 11.89).

GIAVELLOTTO, BERTOLINI OK - Ottanta metri sfiorati all’esordio da Roberto Bertolini nel giavellotto: una spallata a 79,41 per il milanese delle Fiamme Oro, più di dieci mesi dopo l’ultima gara che aveva disputato nella passata stagione. Sugli 800 metri, svolti in modalità tradizionale, la volata premia il romeno Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite Vittorio Veneto) che in 1:48.21 precede Joao Bussotti (Esercito, 1:48.23), al rientro in pista dopo quasi due anni, e Stefano Migliorati (Cs San Rocchino, 1:48.27). La 26enne Giada Carmassi (Atl.

Brugnera Friulintagli) conquista i 100 ostacoli in 13.52 (-0.6) che vale il suo miglior risultato dal 2015, secondo posto a Elena Marini (Team Treviso, 13.83) mentre la campionessa italiana dell’eptathlon Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) fa segnare il quinto crono con 14.39 (-0.6) prima di lanciare il peso a 11,97. A proposito di multiple: nell’asta vince salendo fino a 4,90 l’azzurrino Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi).

DALLE PEDANE - Gran lancio nel peso allievi di Emmanuel Musumary (Atl. Cento Torri Pavia): 19,14 con l’attrezzo di categoria da 5 chilogrammi diventando il settimo under 18 italiano di sempre, per oltre un metro di miglioramento. Nel lungo maschile 7,41 (-0.4) di Andrea Pianti (Cus Sassari) in chiusura e nell’alto il non ancora ventenne Manuel Lando (Atl. Vicentina) salta 2,13 prima di tre errori alla quota 2,17 che gli avrebbe dato il personale, mentre nel disco 50,26 di Natalina Capoferri (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) per superare la junior Diletta Fortuna (Carabinieri, 46,55). Domani la seconda giornata del meeting con altri azzurri in gara e diretta video streaming a questo LINK.

PALERMO - Nella manifestazione di rientro all’attività in Sicilia, a Palermo, lo junior Matteo Melluzzo (Milone Siracusa) corre in 10.59 (+1.1) sui 100 metri. Alla prima gara outdoor della stagione il quasi 18enne sprinter arriva a poco più di un decimo dal personale di 10.48 ottenuto in maglia azzurra nella scorsa estate, quando si è messo al collo l’argento nel Festival olimpico della gioventù europea a Baku. Nel lungo Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia) salta due volte 7,68 [RISULTATI/Results]

LE ALTRE SEDI - A Mariano Comense (Como), in una riunione regionale giovanile, nel martello juniores si migliora l’atleta di casa Luca Ballabio (Atl. Mariano Comense): 62,59 per il 18enne lombardo (Cesare Rizzi/FIDAL Lombardia) [RISULTATI/Results]. Nella prima giornata dei test di allenamento certificati in Piemonte, a Biella, esordio stagionale nell’asta a 3,60 dell’allieva Great Nnachi (Cus Torino) [RISULTATI/Results]. A L’Aquila cresce nel peso la junior Ludovica Montanaro (Atl. Gran Sasso Teramo) con 13,72 [RISULTATI/Results].

l.c.

(ha collaborato Mauro Ferraro/FIDAL Veneto)

VIDEO | LARISSA IAPICHINO 6,57 A VITTORIO VENETO

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Fausto Desalu (foto Ardelean/FIDAL Veneto)


Condividi con
Seguici su: